Valore in RSA

novità dal network delle RSA toscane

Valore in RSA

novità dal network delle RSA toscane
a cura di Agenzia regionale di sanità Toscana

Raccomandazioni Aifa sul buon uso degli antibiotici: terapia mirata delle infezioni resistenti

L’Agenzia italiana del farmaco pubblica sul portale istituzionale due documenti (vedi bibliografia sotto) rivolti alla medicina ospedaliera e alla medicina territoriale, incluse le RSA. Lo scopo è quello di fornire raccomandazioni per il trattamento mirato delle infezioni urinarie sostenute dai batteri Gram-negativi MDR più frequentemente isolati nel contesto italiano:
  • Enterobacterales resistenti alle cefalosporine di terza generazione (3GCRE)
  • Enterobacterales resistenti ai carbapenemi (CRE)
  • Pseudomonas difficile da trattare (Difficult-to-Treat, DTR) .
Come ben sappiamo, il problema della resistenza agli antibiotici è una delle sfide principali a livello globale sia per la sanità pubblica che per l’ecosistema in generale. Le infezioni da batteri resistenti a multipli antibiotici (multidrug-resistant, MDR) sono generalmente gravate da una elevata morbilità e mortalità, in particolare negli individui fragili come i pazienti con ospedalizzazioni prolungate, immunocompromessi e nelle età estreme della vita.

Secondo le stime pubblicate dal Centro europeo per il controllo delle infezioni (Ecdc), l’Italia è il paese europeo con l’incidenza maggiore di casi (201.584 nel 2015) e di decessi (10.762 nel 2015) associati ad infezioni causate da batteri MDR.

Le raccomandazioni, sviluppate con approccio ragionato e basato sulle evidenze scientifiche per l´uso ottimale degli antibiotici, specificano la scelta della molecola (prima e seconda scelta), il dosaggio e la via di soministrazione più appropriati e con il più basso rischio di selezione di batteri resistenti (stewardship degli antibiotici).

In particolare nelle raccomandazioni rivolte alla medicina territoriale sono riportate solo le opzioni terapeutiche per il paziente con infezione non grave che non richiede ospedalizzazione e che può essere trattato, sulla base delle condizioni cliniche e dei risultati dell´antibiogramma, presso il domicilio o una RSA. Nel testo non sono riportate le terapie per via endovenosa complesse che includono farmaci a sola prescrizione ospedaliera o che necessitano di ripetute somministrazioni per via endonovenosa.

Invece le terapie mirate nel paziente ospedalizzato con infezione non grave e grave da batteri Gram-negativi MDR sono riportate nelle raccomandazioni AIFA per la medicina ospedaliera.


Per saperne di più: