17 settembre ANSDIPP Toscana in conferenza: Strategie possibili per il futuro dell'Alzheimer

Leggi tutto...
Strategie possibili per il futuro dell'Alzheimer:
Politiche, servizi e buone pratiche per una presa in carico integrata della persona e della sua famiglia

17 settembre ore 9.00-16.00
CSF "Il Fuligno"
Via Faenza 48, Firenze

Leggi tutto...

La continuità assistenziale nella long term care in Italia: buone pratiche a confronto

Leggi tutto...
01/08/2019
Italia Longeva, rete nazionale di ricerca sull’invecchiamento e la longevità attiva, ha pubblicato un interessante documento sullo stato dell’arte del long care term in Italia.

Il lavoro è stato curato di Davide L. Vetrano, medico geriatra presso il Centro di Medicina dell’Invecchiamento, Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma e ricercatore presso l’Aging Research Center, Karolinska Institutet di Stoccolma.

Leggi tutto...

End of life: quanto il dialogo può cambiare l’esito della cura

Leggi tutto...
25/07/2019
Riuscire a parlare di terminalità della malattia aumenta l’accettazione della fase finale della vita e facilita l’espressione delle preferenze da parte dei pazienti e dei familiari.
Nonostante ciò tutto questo non sia scontato.

Leggi tutto...

Online la nuova sezione dedicata alle terapie non farmacologiche tra i nostri strumenti di lavoro

Leggi tutto...
10/07/2019
La sezione strumenti di lavoro, che contiene raccomandazioni, linee guida, scale di valutazione sulle tematiche più importanti per gli operatori delle RSA, è stata rinnovata con nuove immagini, ma non solo ...

Abbiamo pubblicato il capitolo dedicato alle terapie non farmacologiche ovvero a tutte quelle terapie che consistono nell’impiego di tecniche utili a rallentare il declino cognitivo e funzionale degli anziani, controllare i disturbi del comportamento e compensare le disabilità causate dalla malattia.

Leggi tutto...

Pianificare e condividere le cure: i risultati delle interviste a 20 pazienti complessi

Leggi tutto...
17/06/2019
Come si realizza una pianificazione condivisa del piano terapeutico quando si ha a che fare con un paziente complesso?

L’ARS toscana è partita da questo quesito per condurre un’indagine qualitativa con interviste in profondità che hanno coinvolto 20 pazienti complessi, cioè con comorbilità ed elevata complessità assistenziale, in cura presso la Casa Della Salute di Empoli.

Leggi tutto...

Barriere interne o esterne ostacolano le visite dei familiari in RSA generando ansia e depressione nei residenti

Leggi tutto...31/05/2019
Le famiglie sono parte integrante nell'aiutare i residenti delle RSA a mantenere i sentimenti di inclusione sociale e un senso di appartenenza generale, riducendo così le conseguenze dell'esclusione sociale. Spesso, però, possono presentarsi difficoltà nel fare mantenere agli ospiti un contatto frequente faccia a faccia con i propri familiari, e questo può contribuire a generare ansia e depressione, aspetti che hanno un impatto anche sul deterioramento cognitivo, sulla disabilità fisica e il benessere dell’anziano.

Leggi tutto...

Convegno File, indagine ARS: in Toscana solo 1 paziente su 3 ricorre alle cure palliative

Leggi tutto...
06/05/2019

Indagine dell'Agenzia regionale di sanità della Toscana presentata al convegno di File: «Il 20% dei pazienti si è rivolto a un hospice».

Carmi (presidente File): «Occorre diffondere il ruolo che possono ricoprire le cure palliative».

Leggi tutto...